Applicare il correttore: i 5 errori più frequenti

scritto da:



Per realizzare una base viso perfetta non possiamo di certo tralasciare il correttore! Ma, come sappiamo bene, non è esattamente il prodotto più facile da applicare perchè ci sono moltissime varianti tra colore, texture, metodi di applicazione ecc. e l’errore purtroppo è sempre dietro l’angolo! Perciò nell’articolo di oggi parliamo proprio degli errori da non fare assolutamente quando si applica il correttore!

ragazza che applica correttore

Errore n.1: sbagliare la scelta del colore

Ovviamente la prima cosa da considerare affinchè il correttore svolga bene il suo lavoro, è il colore del correttore. Come sappiamo, ogni tonalità di correttore andrà a svolgere una funzione ben precisa e correggerà una discromia ben precisa. Ricapitoliamole insieme:

  • Correttore aranciato/pescato: correzione occhiaie blu
  • Correttore giallo: correzione occhiaie viola
  • Correttore verde: correzione brufoli e macchie rosse
  • Correttore beige chiaro: illuminante

Errore n.2: sbagliare la scelta della texture

Anche la texture è importantissima per ottenere un buon risultato con il correttore. Esistono tantissimi tipi di correttori, da quelli più morbidi e idratanti a quelli più duri e asciutti, perciò è bene fare attenzione a questo aspetto.

Per la zona del contorno occhi è meglio utilizzare un correttore morbido, in modo da poterlo sfumare facilmente senza che si formi uno strato troppo spesso di prodotto. Infatti in questa zona la pelle è più sottile e “segnata” e un’eccessiva quantità di prodotto evidenzierà questi piccoli segnetti.

Per le macchie del viso è preferibile usare un correttore a pasta più dura in quanto, una volta applicato sulla zona, deve garantire una copertura perfetta e rimanere “fermo” per tutta la giornata.

Errore n.3: applicarne troppo o troppo poco

Anche la quantità di correttore applicato può compromettere il risultato finale. Applicare poco correttore ovviamente non permetterà di correggere adeguatamente la discromia, lo strato di prodotto troppo sottile risulterà semitrasparente e lascerà intravedere la pelle sottostante. Troppo prodotto invece, specialmente nella zona del contorno occhi, tenderà a segnare la pelle e ad appesantirla. Il segreto è di applicare poco colore alla volta e sfumarlo bene, fino a che la discromia non sarà coperta.

Errore n.4: sbagliare l’ordine di applicazione

Qui la differenza la fa il colore del correttore che andiamo ad applicare: se stiamo utilizzando un correttore colorato (arancio, verde, giallo ecc.) è preferibile applicarlo prima del fondotinta. In questo modo il correttore correggerà in modo efficace la discromia, successivamente il fondotinta uniformerà il colorito.

Se invece stiamo utilizzando un correttore beige, quindi con un effetto illuminante, è preferibile applicarlo dopo il fondotinta, per non nascondere l’effetto luminoso del prodotto.

Errore n.5: non fissarlo adeguatamente

Il correttore, come gli altri prodotti in crema (fondotinta, matite, ombretti ecc.) per durare a lungo sulla pelle, va fissato con una cipria. Le migliori sono quelle in polvere libera, preferibilmente dalla volumetria molto ridotta, per creare uno strato il più possibile sottile e leggero sulla pelle. Attenzione, anche in questo caso, alla quantità di cipria applicata: se sarà troppa creeremo uno strato troppo spesso di prodotto che tenderà ad evidenziare la secchezza della pelle, se invece sarà poca, il correttore tenderà a sciogliersi e migrare nelle pieghette dell’occhio.










Lascia un commento