Contouring: tipologie ed effetti

scritto da:



Si fa presto a dire contouring ma, come sicuramente saprete, esistono tantissimi tipi di contouring, a seconda dell’effetto finale che si vuole ottenere. In questo articolo vi mostro i 3 più diffusi e vi spiego come eseguirli e quali sono i colori più adatti alla loro realizzazione.

modella con contouring

Sculpting

Il primo e più conosciuto metodo di contouring è quello che ci permette di scolpire i volumi del viso, creando dei chiaroscuri che rimodellano l’ovale e rendono i lineamenti più definiti. Ogni tipologia di viso avrà il suo sculpting ideale, e ne ho parlato in maniera dettagliata in un precedente articolo, ma in generale l’idea è quella di modellare il viso con luci ed ombre “artificiali”.
Di seguito trovate lo schema per realizzare un contouring per scolpire il viso:

come realizzare sculpting

Per le zone d’ombra è preferibile utilizzare una terra opaca dal sottotono freddo in quanto è quella che maggiormente restituisce la sensazione di ombra. Come sappiamo infatti l’ombra per sua natura è grigia quindi una terra marrone/taupe sarà l’ideale.

Per quanto riguarda le zone di luce consiglierei sicuramente un illuminante color panna opaco sulla zona T, per evitare l’effetto lucido, mentre un illuminante shimmer color sabbia o champagne per gli zigomi e l’arco di cupido.

 

Highlighting

Se invece vogliamo dare tridimensionalità al viso possiamo farlo seguendo la tecnica del triangolo di luce. Questa tecnica permette di concentrare l’attenzione al centro del viso, quindi su occhi, naso e bocca. Basterà illuminare tutte le zone al centro del triangolo e scurire quelle che si trovano al di fuori.
Nello schema qui sotto vediamo la posizione del triangolo di luce.

come realizzare highlighting

Per le zone d’ombra è importante rimanere il più naturali possibile quindi il prodotto ideale sarà una terra opaca piuttosto chiara, dal sottotono non troppo caldo ma neanche troppo freddo.

Per i punti luce anche qui è bene differenziare usando un illuminante opaco per fronte, naso, zona sotto l’occhio e mento, mentre un illuminante shimmer per arcata sopraccigliare, zigomi ed arco di cupido.

 

Sunkissed

L’ultimo metodo che vi propongo è perfetto in vista dell’estate e vuole simulare la pelle baciata dal sole. Andremo a ricreare proprio l’effetto di un viso che viene colpito dai raggi solari e che quindi si scurisce nelle zone più sporgenti.
Guardando lo schema capiamo facilmente quali sono queste zone:

come realizzare sunkissed

Per le zone che andremo a “scaldare” consiglierei una terra leggermente satinata dal tono caldo marrone/caramello che simula in modo più veritiero la pelle abbronzata.

Anche per le zone di luce sicuramente la scelta ideale è quella di un illuminante shimmer dalla tonalità calda e luminosa come uno champagne o un oro, che richiamano subito il colore dei raggi solari.










Lascia un commento